Riattivato il Fondo 394/81 rivolto alle imprese italiane che intendono migliorare la loro competitività sui mercati esteri. Le domande potranno essere inoltrate al SIMEST a partire dal 3 giugno.

Con la Manovra 2021, il governo ha concesso al fondo una dotazione di 1.085 milioni di euro per l'anno 2021 e 140 milioni di euro sia per il 2022 che per il 2023. Queste risorse saranno gestite dal SIMEST, società di Cassa Depositi e Prestiti, controllata da SACE, che ha come mission lo sviluppo e la promozione delle imprese italiane all'estero.

Vediamo, nel dettaglio, in cosa consiste il Fondo 394/81, quali sono le spese coperte dai finanziamenti e i requisiti di accesso.

Fondo 394/81: ecco i finanziamenti previsti per il 2021

Per la riattivazione del fondo, il SIMEST ha introdotto alcune importanti novità, come l'ampliamento della platea dei beneficiari e l'estensione dell'operatività anche all'UE (l'anno precedente i finanziamenti potevano essere utilizzati esclusivamente per investimenti rivolti al mercato extra-europeo).

I finanziamenti concessi dal Fondo 394/81 sono composti da una quota a fondo perduto del 40%-50% della richiesta inserita nella domanda presentata e un finanziamento agevolato al tasso di riferimento UE per la restante parte. Le risorse variano in base agli investimenti che le imprese intendono intraprendere. Nello specifico, è prevista la copertura delle seguenti spese:

Nei paragrafi successi, analizzeremo da vicino ogni singolo caso, illustrando i requisiti di accesso e le modalità di utilizzo delle risorse messe a disposizione.

Patrimonializzazione delle imprese

I finanziamenti sono rivolti alle piccole e medie imprese e alle MidCap (società quotate caratterizzata da una media capitalizzazione). I soggetti beneficiari devono rispondere ad uno dei seguenti requisiti

  • realizzazione all'estero di almeno il 20% del proprio fatturato degli ultimi due bilanci
  • realizzazione all'estero di almeno il 35% del proprio fatturato dell'ultimo bilancio

Le risorse possono essere impiegate per il raggiungimento, miglioramento o mantenimento del livello di solidità patrimoniale. L'importo massimo finanziabile è di 800 mila euro, ossia fino al 40% del patrimonio della tua impresa, mentre la durata del finanziamento è di 6 anni di cui 2 di pre-ammortamento.

E-Commerce e Marketplace

Lo scopo di questo finanziamento è quello di incentivare le imprese ad accedere al commercio elettronico per incrementare le proprie vendite all'estero. Nello specifico, le risorse possono essere impiegate per uno dei seguenti investimenti:

  • coprire le spese di realizzazione di piattaforme e-commerce (importo massimo finanziabile 450.000 euro)
  • per l'utilizzo di marketplace fornito da soggetti terzi (importo massimo finanziabile 300.00 euro)

Per questa tipologia di investimenti le imprese possono ottenere fino al 50% del finanziamento a fondo perduto (nel limite di 800mila euro di aiuti di stato ricevibili). Il fondo copre il 100% delle spese, fino a un massimo del 15% dei ricavi medi dell'ultimo biennio. È prevista una durata di 4 anni di cui 1 di pre-ammortamento.

Partecipazione a Fiere Internazionali, Mostre e Missioni di Sistema

Il finanziamento è destinato alle Grandi Aziende, alle Piccole e Medie Imprese, nonché alle MidCap. Le risorse possono essere impiegate per:

  • la partecipazione a fiere e mostre organizzate in Paese esteri (spese per l'allestimento di aree espositive, spese logistiche, promozionali e consulenze);
  • la partecipazione a fiere internazionali organizzate in Italia.  

Anche in questo caso il fondo copre il 100% delle spese preventivate, fino a un massimo del 15% dei ricavi dell'ultimo esercizio. Gli importi riconosciuto possono arrivare ad un massimo di 150.000 euro. La durata del finanziamento è di 4 anni di cui 1 anno di pre-ammortamento.

Inserimento nei Mercati Esteri

Per questa tipologia di investimenti, il Fondo 394/81 concede alle imprese un finanziamento a tasso agevolato per sostenere le seguenti spese:

  • realizzazione di uffici, show room, negozio o corner;
  • creazione di centri di assistenza post vendita in un Paese estero e relative attività promozionali;
  • creazione di centri di assistenza post-vendita anche in Italia (le attività di vendita devono essere connesse al programma di investimento per l'internazionalizzazione).

I soggetti richiedenti devono aver depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

L'importo massimo finanziabile corrisponde al 100% del totale preventivato, ma non può superare il 25% del fatturato medio dell'ultimo biennio. La durata del finanziamento è di 6 anni di cui 2 di pre-ammortamento.

Temporary Export Manager

Questo finanziamento a tasso agevolato è rivolto a tutte le Società di Capitali, che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi. Le risorse possono essere utilizzate per l'assunzione temporanea di figure specializzate in materia di internazionalizzazione ed export. L'inserimento deve essere documentato attraverso la sottoscrizione di un contratto di prestazioni consulenziali erogate attraverso Società di Servizi in possesso dei requisiti specifici. 

Il fondo copre il 100% delle spese (fino a un massimo del 15% dei ricavi medi dell'ultimo biennio), per un importo massimo finanziabile di 150.000 euro. La durata del finanziamento è di 4 anni di cui 2 di pre-ammortamento.

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo